Riequilibrante Ormonale

ALOGIN- Riequilibrante Ormonale

riequilibrante-ormonale
 

Descrizione prodotto

Riequilibrante ormonale a base di estratti vegetali utile nell’ambito del trattamento ormonale in menopausa.

 

Proprietà

  • Riequilibrante
  • Estrogenico
  • Antimenopausale
  • Trofica Genitale
  • Modulante del SNC
  • Antidistonica
  • Gastrospasmolidica
  • Endorfinogenetica
  • Colesterolasica
  • Ipnoinducente

 

Indicazioni

  • Sistema neurovegetativo e apparato cardio-circolatorio (Vampate di calore, Sudorazioni proffuse, Sudorazioni notturne, Palpitazioni, aritmie, extrasistoli, precordialgie, Vertigini, Extrasistolie, Eretismo cardiovascolare, Psicosomatismi cardiaci, Insonnia, Ipertensione arteriosa, Aterosclerosi)
  • Apparato genitale ( Prurito vaginale e vulvare, Distrofismo)
  • Mammelle (Ingrossamento per accumulo di grasso, Preventivo nella formazione di neoplasie)
  • Sessualità, Alterazione della libido e delle reazioni sessuali
  • Apparato locomotore (Decalcificazioni, Osteoporosi)
  • Metabolismo (Iperglicemia, Dislipidimie, Psichismo e attività cerebrale, Ansia, Apprensività, Angoscia, Emotività, Depressione, Insicurezza, Psicastenia, Ipereccitabilità, Fobie, Deficit mnemonico, Ipercinesie)
  • Apparato gastroenterico (Psicosomatismi gastroenterici, Gastrite psicogena, Colonpatie, Dispepsia nervosa)

 

Composizione

Melilotus officinalis Pallas herba cum floribus, Melissa officinalis L. folium, Tilia platyphyllos Scopoli flos, Crataegus monogyna Jacquin flos, foliums, Humulus lupulus L. strobulus e Glycine max (L.) Merr. semen (estratti secchi nebulizzati).
La capsula é prodotta con gelatina alimentare.

Crataegus monogyna Jacquin flos, folium (Biancospino fiori e foglie): corregge le turbe della polarizzazione dell’ECG. Ha un’azione funzionale neurocardiaca tale da renderlo un ottimo rimedio dell’equilibrio vagosimpatico distonizzato sin dal climaterio e che si prolunga per tutta la menopausa e perimenopausa. Utile nelle turbe pressorie e nelle loro conseguenze cardiache quali aritmie o palpitazioni. La base per identificare l’affinità di questo macerato idroetanolglicerico con le turbe cardiovascolari è il disequilibrio neurovegetativo. E’ normo-tensore cioè, nei soggetti ipotesi aumenta la pressione arteriosa, in quelli ipertesi la diminuisce. E’ un importante presidio fitoterapico anche in caso di ipertensione menopausale, ove contribuisce alla riduzione della pressione arteriosa sistolica sia quella diastolica, in modo dolce e progressivo, senza indurre fenomeni d’ipotensione arteriosa patologica. A questo concorrono i flavonoidi e le procianidine, le quali attraverso un’azione svolta sull’enzima c-AMP-fosfodiesterasi, modulano l’assorbimento calcico a livello miocardico. E’ un prezioso antitrombofilico. Importanti anche le altre sue azioni, tra cui quella capillaro-protettiva e spasmolitica (dovuta alla presenza dei glucosidi flavonici rutoside e iperosiside) e il suo effetto cronotropo negativo. Ha una notevole qualità attiva sulla dinamica circolatoria e di modulazione sul tono vasale. Un ulteriore effetto positivo indotto dal Crataegus monogyna, è l’aumento del flusso sanguigno, anche a livello periferico, per effetto di alcuni oligomeri flavonici.

Glycine max (L.) Merr. semen (Soja semi): i semi di soja, oltre alla ricchezza di principi a valenza nutrizionale sono particolarmente interessanti per la loro quota di fitoestrogeni che appartengono alla categoria degli isoflavoni. Gli isoflavoni sono, infatti, contenuti in alcune piante in generale e in particolare nei semi della Soia e nei prodotti derivati. Tra questi isoflavoni, la genisteina, la daidezeina e il cumestrolo manifestano la maggiore attività farmacologica. La ricerca scientifica iniziò ad interessarsi ai fitoestrogeni dopo due importanti riscontri epidemiologici: 2) l’effetto iatrogeno della terapia sostitutiva convenzionale; 1) l’osservazione che nei paesi orientali, dove l’uso della soia è un’abitudine alimentare, le donne soffrono meno frequentemente di alcune forme di cancro (seno, utero e ovaie) rispetto alle donne occidentali, e, qualora manifestino la sintomatologia menopausale (vampate di calore, osteoporosi, invecchiamento cutaneo-mucoso, secchezza vaginale, ecc.), questa è, decisamente, di minor intensità. Introdotti nell’organismo sono assorbiti prevalentemente a livello dell’intestino tenue, attraverso un processo enzimatico mediato dai batteri intestinali che rimuove la parte “glicosidica” della molecola.

Humulus lupulus L. strobulus.(Luppolo giovani germogli : contiene oli essenziali costituiti da idrocarburi terpenici: nuricene e umulene. Resine contenenti principi amari quali lupolone e umolone. Sostanze simili agli estrogeni. Oltre all’attività estrogenica, ha un’azione anti-angoscia dovuta al 2-metil-3-buten-2-olo. Generalmente si usa con successo nei disturbi nervosi e psichici della sindrome menopausale, dove le disforie, o turbe dell’umore, sono una componente importante, nonché in molte dermopatie herpetiformi e pustolose. Organotropismo: Sistema neurovegetativo; vie urogenitali e cute.

Melilotus officinalis Pallas herba cum floribus (Meliloto parte aerea): contiene cumarine (0,4-1%): melitoside (glucoside dell’acido o-idrossi cinnamico in configurazione Z), erniarina, umbelliferone, scopoletina e fraxetina. Triterpeni: melitogenina, soyasapogenolo B ed E. Flavonoidi: robinia, kaempferolo, quercetina e
quercetin-3-galattoside. Polifenoli e tannini. Le cumarine esplicano un’azione sedativa, antispasmodica con bersagli sia a livello del SNC sia a livello viscerale e bradicardizzante. Il Meliloto è vantaggioso, quindi, negli stati ansiosi con ipercinesia, ipertono simpatico e sonno scarsamente riposante e nella tendenza all’ipertensione.

Melissa officinalis L. folium (Melissa parte foglie): ha una ben nota e confermata attività spasmolitica e sedativa localizzata a livello del sistema limbico (Weiss). E’ un buon rimedio della depressione, dell’angoscia, della melanconia, dell’insicurezza, della vulnerabilità emotiva, dell’ipersensibilità agli influssi ambientali, dell’ansia e delle insufficienze mnemoniche spesso correlate a questi stati frequenti nel periodo menopausale. S’impiega nelle turbe minori del sonno, nella nevrosi gastrica, nelle tendenze bulimiche, negli stati di tensione nervosa premestruale, nella distonia neurovegetativa, nelle palpitazioni e nelle forme algiche di diversa eziologia. La proprietà antispasmodica e antistaminica è dovuta ai flavonoidi e i triterpeni, i quali, questi ultimi, agirebbero allo stesso modo della papaverina con un’azione anche antinevralgica e antiemicranica. I principi presenti nell’olio essenziale le conferiscono una duplice utilità spasmolitica (unitamente ai flavonoidi), antiemetica e tranquillante (unitamente ai triterpeni) modulando il substrato psico-nervoso.

Tilia platyphyllos Scopoli flos (Tiglio fiori):i fiori inducono una sedazione “dolce” in grado di correggere stati di eretismo nervoso accompagnato da gastralgia, colite ecc., ove lo spasmo assume una parte importante. Tale effetto sarebbe attribuibile agli alcol terpenici i quali inibiscono gli effetti spastici indotti dall’acetilcolina. La pianta in generale riduce le resistenze vascolari periferiche, apportando un aiuto, pertanto, nell’ipertensione con tale eziologia che risulta corretta anche dall’attività fluidificante a livello ematico.

 

CONTATTACI

Compila il modulo seguente per avere tutte le informazioni sul prodotto.

I commenti sono chiusi